Gli errori di scrittura da non commettere mai sul vostro blog

Finora si è parlato molto delle cose giuste da fare per avere un blog di successo, ma quali sono invece gli errori più comuni che spesso molti blogger commettono anche inavvertitamente?

Utilizzare malamente le keywords in modo eccessivo

Se è vero che da un lato è assolutamente necessario un utilizzo appropriato delle keywords, è una tecnica di SEO fondamentale per permettere una migliore indicizzazione del nostro blog da parte dei motori di ricerca, è altrettanto vero che un eccesso di queste può dare forma ad un articolo scadente, apparentemente pubblicitario, e con contenuti logici spezzati o interrotti. Curate sempre che l’articolo mantenga intatta la sua scorrevolezza e la sua fluidità: le keywords sono un bonus aggiunto, non un guinzaglio che debba costringere entro limiti strettissimi la vostra abilità redattoria.

Sbagliare nelle tempistiche di pubblicazione degli articoli

E’ fondamentale mantenere quando possibile, una tempistica costante nella pubblicazione dei vostri articoli. Blog che postano troppo raramente, o con tempi di latenza tra un articolo e l’altro, distrarranno l’utenza che annoiandosi, finirà col rivolgersi ad altre testate informative, o peggio ancora, daranno una percezione di abbandono generale del blog che va assolutamente evitata. Al contrario tempi troppo rapidi di pubblicazione non daranno la possibilità di “metabolizzare” (in termini di likes e visite) alcuni articoli, che finiranno “inglobati” da altri postati in troppo rapida successione. L’ideale sarebbe un giorno fisso di pubblicazione, in modo tale che la vostra utenza abituale concentrerà la sua attenzione in quel giorno, aumentando il livello di affezione, esattamente come una testata giornalistica periodica.

Ignorare le richieste della vostra community

La vostra community è il vostro pubblico, sono le persone che leggeranno ciò che scrivete, e che torneranno a leggere il vostro prodotto quando questo è interessante. Ignorare le loro richieste, non rispondere ai messaggi o ai commenti, non intervenire mai nelle discussioni, manterrà una distanza “robotica” che vi farà perdere contatto con loro, e che nel tempo li porterà a disaffezionarsi.

Pubblicare articoli di qualità eccessivamente bassa

A volte è necessario pubblicare articoli un po’ scadenti per esigenze di link exchanging, per attirare traffico attraverso keywords molto popolari, o semplicemente per fare “numero”. E’ un male necessario, che però nel tempo non ripaga: i contenuti di qualità restano, ed anche se sul momento potrebbero sembrarvi “scartati” dall’utenza a confronto di altri più scadenti, nel tempo si riveleranno invece le colonne portanti del vostro blog. Anche perché ricordatevi: un blog per decollare richiedete tempo, non abbiate mai fretta, un breve picco di visualizzazioni a fronte di contenuti scadenti si esaurirebbe ben presto mentre la vostra reputazione resterebbe per sempre macchiata.

Enhanced by Zemanta

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *